Tag: controlli

Partiti i controlli, in una notte solo a Roma scoperti 42 abusivi.

Come più volte richiesto dalla nostra associazione sono finalmente partiti i controlli per contrastare l’attività abusiva. A Ciampino 10 irregolari in un solo locale. Alcuni non in regola con l’iscrizione nell’elenco prefettizio, altri con precedenti penali o vicende di droga.

 

Trentotto locali notturni a Roma e provincia controllati dai carabinieri con 265 addetti alla sicurezza identificati in venti esercizi dove sono stati trovati però 42 lavoratori non in regola. È questo il bilancio dei controlli svolti dai militari del comando provinciale nello scorso fine settimana. e verifiche dei carabinieri hanno consentito di appurare che 36 buttafuori erano invece sprovvisti – perché mai richiesta – dell’iscrizione nell’elenco della Prefettura prevista espressamente dalle leggi in materia di Pubblica sicurezza, tra i quali 4 risultati con precedenti penali; 2 con l’iscrizione scaduta nell’elenco della Prefettura e mai rinnovata; 1 con l’iscrizione revocata perché in passato trovato in servizio con un manganello; 3 risultati coinvolti in vicende di droga, minacce e lesioni. Soggetti per i quali i carabinieri hanno richiesto la cancellazione dall’elenco Prefettizio. Tutti i buttafuori irregolari sono stati multati per 1.666 euro, sanzione comminata anche ai titolari delle discoteche per ogni addetto non in regola. In un caso, a Ciampino, ne sono stati trovati ben dieci in un solo locale. Nei parcheggi dei locali, i carabinieri hanno anche trovato 11 parcheggiatori abusivi che sono stati contravvenzionati.

Gli addetti al controllo delle attività di intrattenimento e spettacolo illegali sono stati multati per 1.666 euro cadauno; stessa sanzione per i titolari dei locali, moltiplicata però per ognuno degli addetti alla security non in regola che avevano impiegato.

Alla prevenzione nel settore dei servizi di controllo, condotta dai Carabinieri del Comando Provinciale di Roma, si sono affiancati i controlli amministrativi, con la collaborazione dei reparti specializzati dell’Arma come il Nas e il Nil, diretti a verificare la sussistenza del rispetto dei parametri imposti dalle norme in molteplici ambiti: aspetti sanitari, quali la tenuta di attrezzature e locali di servizio; misure di sicurezza da applicare per la tutela degli utenti del locale; rispetto del limite di tolleranza acustica, che incide sulla tranquillità pubblica; la regolarità delle posizioni lavorative degli addetti.