Franco Cecconi lancia gli “Stati generali dell’event industry italiana”.

L’idea nata all’indomani dell’inizio della pandemia.

Franco Cecconi lancia gli “Stati generali dell’event industry italiana”.
In considerazione della drammatica situazione causata dalla pandemia covid19, Franco Cecconi, presidente dell’Associazione Italiana Sicurezza Sussidiaria, lancia l’idea della convocazione degli “Stati generali dell’Event Industry Italiana”.
“Il mondo degli eventi e dell’intrattenimento è composto di decine e decine di professionalità non sempre rappresentate e non tenute in considerazione nelle complesse e non esaustive misure poste in essere dal Governo.
La fase 2 annunciata non offre nessuna sicurezza immediata ne in prospettiva, a questo ampissimo settore,
occorre  una proposta da sottoporre al governo per superare la crisi e rilanciare un’industria che ha reso l’italia così autorevole anche in questo variegato settore.
Occorre un’iniziativa corale che sappia condensare intorno ad un’unica proposta, frutto dell’esperienza di chi lavora nel settore, per questo motivo mi sono fatto promotore come AISS di lanciare l’iniziativa “Stati generali dell’Event Industry Italiana”.
Il mondo de’intrattenimento è composto di molte realtà, dagli eventi sportivi, alle fiorenti economie nel mondo degli eventi musicali, fieristici e culturali che negli anni, grazie alle iniziative di piccole e medie imprese, hanno dato lustro all’italia nel mondo sapendo presentare al meglio cultura, moda svago e tecnologia.
Un mondo ricco di professionalità ora gravemente colpite che necessitano di interventi mirati ed immediati, oltre che di un piano di rilancio che sappia garantire la sopravvivenza delle eccellenze italiane.” dichiara Franco Cecconi.
“Ho inviato ai rappresentanti del mondo degli eventi e dell’intrattenimento nella sua accezione più ampia, una lettera per convocare tutti intorno ad un tavolo virtuale, per elaborare delle proposte operative da sottoporre al legislatore, non è il tempo di iniziative di singoli o di interessi di parte , il mondo degli eventi e dell’intrattenimento necessita di maggiore attenzione, ed è arrivato il momento che tutti gli operatori del settore abbiano consapevolezza che solo una proposta unitaria potrà servire al legislatore per individuare modi e forme per rilanciare questa preziosa macchina che porta ogni anno milioni di euro nelle casse dello stato e che consente a centinaia di migliaia di lavoratori di confortare dignitosamente le proprie economie“ conclude Franco Cecconi.