DECRETO 15 giugno 2012 Modifica al decreto 6 ottobre 2009 recante regolamentazione dell’impiego del personale addetto ai servizi di controllo delle attivita’ di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico. (12A07845) (GU n. 166 del 18-7-2012 )

Area Giuridica News

Dopo lunghe attese ecco il testo del decreto

 

IL MINISTRO DELL’INTERNO

 

Vista la legge 1° aprile 1981, n. 121;

Visto il testo unico delle leggi di pubblica sicurezza approvato

con regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, e successive modifiche e

integrazioni;

Visto il regolamento di esecuzione al testo unico delle leggi di

pubblica sicurezza approvato con regio decreto 6 maggio 1940, n. 635,

e successive modifiche e integrazioni;

Visto l’art. 3 della legge n. 94 del 15 luglio 2009, recante

«Disposizioni in materia di sicurezza pubblica» e, in particolare, i

commi dal 7 al 13 che autorizzano e disciplinano l’impiego di

personale addetto ai servizi di controllo delle attivita’ di

intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti la pubblico o in

pubblici esercizi anche a tutela dell’incolumita’ dei presenti;

Visto il decreto del Ministro dell’interno del 6 ottobre 2009, di

attuazione del predetto art. 3 della citata legge n. 94/2009,

pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 9 ottobre 2009, n. 235,

recante «Determinazione dei requisiti per l’iscrizione nell’elenco

prefettizio del personale addetto ai servizi di controllo delle

attivita’ d’intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al

pubblico o in pubblici esercizi, le modalita’ per la selezione e la

formazione del personale, gli ambiti applicativi e il relativo

impiego, di cui ai commi da 7 a 13 dell’art. 3 della legge 15 luglio

2009, n. 94»;

Visto il decreto del Ministro dell’interno del 31 marzo 2010,

recante «Modifiche all’art. 8 del decreto del Ministro dell’interno 6

ottobre 2009, concernente determinazione dei requisiti per

l’iscrizione nell’elenco prefettizio del personale addetto ai servizi

di controllo delle attivita’ d’intrattenimento e di spettacolo in

luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi, le modalita’ per la

selezione e la formazione del personale, gli ambiti applicativi e il

relativo impiego, di cui ai commi da 7 a 13 dell’art. 3 della legge

15 luglio 2009, n. 94» che ha prorogato l’applicazione delle

disposizioni transitorie in materia di corsi di formazione al 31

dicembre 2010;

Visto il decreto del Ministro dell’interno del 17 dicembre 2010,

recante «Proroga decreto ministeriale 6 ottobre 2009 –

Regolamentazione dell’impiego del personale addetto ai servizi di

controllo delle attivita’ di intrattenimento e spettacolo nei luoghi

aperti al pubblico», pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 30

dicembre 2010, n. 304, che ha ulteriormente prorogato l’applicazione

delle disposizioni transitorie in materia di corsi di formazione al

30 giugno 2011;

Visto il decreto del Ministro dell’interno del 30 giugno 2011,

recante «Modifiche al decreto del Ministro dell’interno del 6 ottobre

2009», pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 20 luglio 2011, n.

167, che ha modificato alcune disposizioni in ordine all’ambito di

applicazione del decreto ministeriale 6 ottobre 2009 ed ha prorogato

l’applicazione delle disposizioni transitorie in materia di corsi di

formazione al 31 dicembre 2011;

Vista la nota n. LEG 0006273-P con la quale il Ministero della

salute, in conformita’ con le disposizioni di cui all’art. 41, comma

2-bis, del decreto legislativo n. 81 del 9 aprile 2008, ha

rappresentato l’opportunita’ di modificare l’art. 5 del decreto

ministeriale 6 ottobre 2009 relativamente ai requisiti psico-fisici

del personale addetto ai servizi di controllo delle attivita’ di

intrattenimento e spettacolo;

Considerato che, in molti casi, i percorsi formativi per il

personale addetto ai servizi di controllo avviati dalle regioni si

sono conclusi entro termini che non hanno permesso il completamento

delle procedure per l’iscrizione del personale nei registri

prefettizi;

Considerata la necessita’ di garantire il regolare svolgimento

delle attivita’ di intrattenimento e spettacolo anche nell’imminente

stagione estiva, atteso il rilievo di queste ultime per l’economia

nazionale;

Ritenuta la necessita’ di procedere ad alcune modifiche ed

integrazioni del decreto del Ministro dell’interno 6 ottobre 2009, al

fine anche di implementarne ulteriormente l’efficacia;

 

Decreta:

 

Art. 1

 

 

Modifiche al decreto del Ministro dell’interno 6 ottobre 2009

 

1. Al decreto del Ministro dell’interno 6 ottobre 2009, come

modificato dai decreti del Ministro dell’interno, in data 31 marzo

2010, 17 dicembre 2010 e 30 giugno 2011, sono apportate le seguenti

modificazioni:

a) all’art. 1, comma 4, la lettera b) e’ sostituita dalla seguente:

«b) idoneita’ psico-fisica per lo svolgimento dell’attivita’ di

controllo di cui all’art. 5, assenza di uso di alcol e stupefacenti,

accertate con visita medica preassuntiva dal medico competente o dal

dipartimento di prevenzione della A.S.L.»;

b) all’art. 4, dopo il comma 1-bis, e’ aggiunto il seguente:

«1-ter. Per gli spettacoli di musica popolare contemporanea le

disposizioni del presente decreto si applicano solo al personale

chiamato a svolgere unitariamente tutte le attivita’ individuate

dall’art. 5. I soggetti di cui all’art. 1, comma 2, determinano,

assumendone la relativa responsabilita’ penale, civile e

amministrativa, il numero degli addetti da impiegare, nonche’ le

misure idonee ad assicurare l’efficace e regolare svolgimento delle

attivita’ individuate dallo stesso art. 5, ivi compreso l’impiego di

personale non iscritto nell’elenco di cui all’art. 1, comma 1, con

mansioni di supporto. In ogni caso, dovra’ essere previsto almeno un

addetto, anche con funzioni di coordinamento del personale di

supporto, in corrispondenza di varchi, ingressi, vie di esodo, aree

inibite al pubblico per ragioni di sicurezza, come palco e retro

palco, perimetro dell’area dove si svolge lo spettacolo ed ogni altro

luogo in cui sono possibili situazioni di pericolo per la sicurezza

delle persone»;

c) all’art. 8, dopo il comma 1-ter e’ aggiunto il seguente:

«1-quater. Fino al 31 dicembre 2012 puo’ svolgere le attivita’ di cui

all’art. 5 del presente decreto il personale che dimostri di aver

presentato al prefetto competente, da almeno trenta giorni, l’istanza

di iscrizione all’elenco prefettizio di cui all’art. 1».

Il presente decreto entrera’ in vigore il giorno della

pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale delle Repubblica italiana.

Roma, 15 giugno 2012

 

Il Ministro: Cancellieri